Almerigo Grilz: reporter al fronte in mostra a TriestePrevious Article
Le impressioni di un viaggio in Bretagna di Federico Formignani, columnist di LatitudesNext Article

Weekend a Lisbona, di sole e d’azzurro

Line Spacing+- AFont Size+- Print This Article

Lisbona costituisce l’incipit di una breve, quanto intensa avventura turistica. L’hotel Tryp Lisboa Aeroport www.tryplisboaaeroporto.com), un quattro stelle di design, confortevole e informale, è perfetto, a soli 300 metri dall’aeroporto e dalla fermata della metropolitana, che in 15 minuti raggiunge il centro storico. Una luce incredibile e singolare avvolge i monumenti, facendo risaltare i colori di Praça do Comércio, ariosa e circondata da portici e superbi edifici. La piazza, un tempo fulcro delle attività commerciali, oggi è il salotto buono della capitale, ma anche luogo di ritrovo pubblico in occasione di grandi eventi, per la sua capienza (4 ettari). Adagiata sulle rive del Tago, la piazza ospita eleganti caffè e ristoranti, ma anche il Lisboa Story Centre, uno spazio innovativo dedicato alla storia della capitale portoghese; qui potete immergervi in un affascinante viaggio nel tempo alla scoperta del Portogallo, grazie a strumenti multimediali di grande effetto, come la simulazione del tragico terremoto di Lisbona del 1755.

Lisbona è un misto di antico (Arco di Via Augusta, Castello di S.Jorge) e moderno (Maat, spettacolare museo di arte e tecnologia), due facce della stessa medaglia che convivono in perfetto equilibrio. Questa è la magia di Lisbona, la città che il grande scrittore portoghese Fernando Pessoa descrive così: “Su sette colline, che sono altrettanti punti di osservazione, da cui si possono ammirare magnifici panorami si apre la vasta, irregolare e multicolorata massa di case che rappresenta Lisbona. Per il viaggiatore che arriva dal mare, Lisbona, vista da lontano appare come fosse un sogno, che si innalza sull’azzurro vivo del cielo”.

Non esiste nulla meglio del camminare per scoprire la città, che si apre allo sguardo con placida eleganza, mostrando chiese e palazzi, ma anche l’allegra vivacità delle piazze e dei mercatini rionali. Arrampicando   lungo vie strette e colorate verso l’Alfama, l’unico quartiere non distrutto dal terremoto del 1755, ci si lascia catturare dalla magica atmosfera del barrio, che mescola armoniosamente colori, sapori e suoni. L’Alfama, il quartiere più antico e caratteristico di Lisbona, è uno spaccato di vita popolare quasi intatto, ricco di botteghe artigiane, negozietti, locali pittoreschi.

Niente a che vedere con l’austero Castello di San Giorgio, da cui si gode una vista mozzafiato sulla città,   costruito dagli arabi nell’XI secolo come fortificazione. Di epoca islamica sono proprio i resti di alcune case residenziali delle élites che vivevano nella alcazaba (cittadella) che si possono ammirare nel Sito Archeologico. Il Museo, invece, ospita numerosi reperti (piatti, vasi, monili) del passato (dal VII al XVIII secolo), che testimoniano le varie culture presenti nella capitale portoghese.

Lisbon, Portugal, Europe

Ad un primo sguardo non ci si rende conto dell’imponenza del Castello, che include anche il Palazzo Reale quasi interamente distrutto dal terremoto di Lisbona del 1755, la cinta muraria, antiche costruzioni, ben 11 Torri e anche una cisterna. Ma una volta saliti sul cammino di ronda, il complesso appare in tutta la sua grandezza e magnificenza, con un Belvedere spettacolare. Per il suo inestimabile valore il Castello di San Giorgio è Monumento Nazionale dal 1910.

Altra epoca e altro stile architettonico, quello manuelino, per il Monastero dos Jeronimos, nel quartiere di Belém, raggiungibile con lo storico tram 15E (oppure con bus di linea Carris). L’edificio, ricco di fregi, ornamenti e sculture, celebra il potere e la ricchezza del Portogallo al tempo della scoperta delle Indie da parte di Vasco da Gama (1469-1524), primo europeo ad aver raggiunto il subcontinente indiano.

Lisbon, Portugal, Europe

L’opulenza dell’edificio suscita, per contrasto, il desiderio di leggerezza e allora via… a concedersi  una full immersion nella centralissima Via Augusta, lungo la quale si affacciano numerose boutiques e dove alcuni suonatori allietano i turisti di passaggio. Ma il tempo per una sosta è poco più avanti, in Piazza Rossio (nome ufficiale è Praca Dom Pedro IV) uno dei luoghi cult di Lisbona, dove la gente ama ritrovarsi e bere qualcosa, specialmente al tramonto, che avvolge  tutto di sfumature incandescenti.

Siamo ormai giunti al termine della vacanza, anche se mentalmente non accettiamo di tornare alla quotidianità; a Lisbona lasci un pezzetto di cuore e desideri tornare per una visita più accurata. La città, inoltre, vanta un’offerta culturale ampia e diversificata, soprattutto nei mesi estivi. Lisbona piace molto, non solo ai giovani che trovano numerose occasioni di svago, ma anche alle famiglie e ai single, perchè accogliente e per l’elevato grado di sicurezza. Il Portogallo, infine, ha saputo conquistare i turisti grazie al ricco patrimonio storico-artistico, alla piacevolezza del clima, del cibo, e, dulcis in fundo, all’ottimo rapporto qualità-prezzo.

Testo di Cinzia Dal Brolo |Riproduzione riservata © Latitudeslife.com

Per informazioni a Lisbona

www.visitlisboa.com

www.castelidesaojorge.pt

www.lisboastorycentre.pt

Per i trasporti

Carris (Bus), www.carris.pt

Metro, www.metrolisboa.pt

Per i Voli 

www.flytap.it – Call center 02 69682334

Ufficio del turismo del Portogallo

www.visitportugal.it