Sere Fai d'estate, s'aprono i fiori notturni del patrimonio italianoPrevious Article
Cosa fare a Procida: 10 cose da non perdereNext Article

Weekend a Sorrento tra musica e sapori

Line Spacing+- AFont Size+- Print This Article

Musica, divertimento e tanta allegria segneranno le serate di mezza estate a Sorrento: l’incantevole località campana, famosa per i limoni ed il suo meraviglioso mare, ospiterà la nuova edizione del Lemon Jazz Festival 2018, un attesissimo evento che vuole celebrare con suadenti melodie  i sapori, i colori e la bellezza del territorio.

La rassegna, con la direzione artistica di Mario Mormone, è organizzata dal Comune ed offrirà un programma ricco ed avvincente che vivacizzerà i week-end dal 21 al 29 luglio grazie ai tanti ospiti internazionali che si esibiranno in una delle cornici più suggestive della città, la neoclassica Villa Fiorentino. 

Si partirà alla grande sabato 21 con la band di Stanley Clarke; il bassista americano è supportato da artisti che uniscono i loro virtuosismi ad uno stile ormai storico e inimitabile in cui si fondono fusion, funk e improvvisazione. Vincitore per ben quattro volte dei Grammy Awards, il leader del gruppo resta uno dei più influenti e ammirati grandi della musica dagli anni settanta ad oggi.

Il giorno seguente altro appuntamento da non perdere con il quintetto di Roy Hargrove; il trombettista texano, anche lui premiato con due Grammy Awards, è considerato come una sorta di erede di Miles Davis. La sua line up ormai collaudata sta riscuotendo un meritato consenso da parte del pubblico ed ottimi apprezzamenti sul fronte della critica specializzata.

Venerdì 27 luglio, invece, è la volta della band d’oltre Atlantico Yellowjackets. Fondato nel 1977, il gruppo fece il suo vero debutto quattro anni dopo con il celebre album jazz- funk che rappresentò una significativa introduzione ad un nuovo corso, un misto di jazz fusion,elettronico e R&B, una versione moderna dei Weather Report.

Gli Yellowjackets hanno, quindi, il merito di aver ricondotto il jazz ad un romantico ritorno al passato in un periodo in cui questo genere stava volgendo verso la direzione acustica.

Ai due membri fondatori, Russel Ferrante e Will Kennedy, si aggiungono il sassofonista Bob Mintzer ed il talentuoso bassista australiano Dane Anderson. Un gruppo affiatato che, con le proprie note, sarà in grado di trasmettere grandi emozioni agli spettatori.

Il 28 luglio si esibirà Gegè Telesforo e il suo progetto Fun Slow Ride. Cantante, percussionista, polistrumentista, produttore ma anche giornalista, autore e conduttore radiotelevisivo. Gegè Telesforo è da sempre un artista poliedrico e, soprattutto, un raffinato vocalist; insieme al suo gruppo composto da strepitosi musicisti si esibirà in un concerto durante il quale ripercorrerà i pezzi storici inseriti nel suo ultimo cd.

La rassegna si chiude alla grande domenica 29 luglio con sonorità tipicamente jazz-rock-progressive. Con oltre quindici anni di intensa attività live, il Trio Bobo ha acquisito un solidissimo interplay. Faso e Christian Meyer, ossatura ritmica di “Elio e Le Storie Tese”, incontrano il chitarrista Alessio Menconi. Miscelando sonorità tipicamente jazz a rock/progressive e ritmiche afro e brasiliane, il sound della band risulterà assolutamente unico e personale. Un mix costituito da brani originali e cover, costruito in anni di collaborazione e crescita tra i tre musicisti.

Ma la manifestazione, oltre alla musica, prevede anche eventi di arte pittorica e imperdibili degustazioni di saporiti prodotti locali a base di limoni, il tesoro di questo territorio.

Testo di Gabriele Laganà|Riproduzione riservata © Latitudeslife.com