Public art: l’arte fuori dai musei per cui vale il viaggio

Strade, piazze, giardini diventano il palcoscenico della Public art. Non serve pagare il biglietto, lo spettacolo è gratuito e aperto a tutti. Singapore, Marsiglia, Vancouver, Melbourne sono solo alcuni dei luoghi dove ammirare la più contemporanea della forme d’arte.

The Planet, Singapore - Un bambino gigante giace indisturbato sui prati di Gardens by the Bay a Singapore. Si tratta di “The Planet”, installazione dell’artista Marc Quinn. Ispirato dal proprio figlio, ha creato una creatura di quasi 10 metri per 7 tonnellate, che a guardarla sembra leggera e fluttuante. Tra le preferite dei novelli sposi, la scultura pare essere di buon auspicio per chi desidera metter su famiglia.
Les Voyageurs, Marsiglia - Les Voyageurs di Bruno Catalano racconta la metafora moderna del viaggiatore. A giudicare dalle valige che portano tra le mani non sono di certo turisti, piuttosto migranti che, seri e determinati, vanno avanti per la loro strada pur sentendosi incompleti.
Van Gogh’s Ear, Rockefeller Centre, New York - Quest’anno il duo scandinavo Elmgreen & Dragset ha vestito d’arte Rockefeller Centre. Come? Collocandovi un’enorme piscina in verticale. Vuota, ma pur sempre di piscina si tratta. Osservandola dal retro ha invece le sembianze di un orecchio umano, da qui il nome “Van Gogh’s Ear”.
Horizon Field, Monti del Vorarlberg, Austria - Durante una tranquilla escursione sulle vette del Vorarlberg potreste incorrere in strani individui “tutti d’un pezzo”. Tranquilli, non mordono, sono semplicemente figure umane in metallo, frutto del lavoro dell’artista britannico Antony Gormley. Distribuite su una superficie di 150 chilometri quadrati, alcune sono raggiungibili tramite sentieri, mentre altre si possono ammirare solo da lontano.
Levitated Mass, LACMA, Los Angeles - Di un blocco unico di pietra pesante 335 tonnellate l’artista Michael Heizer ha fatto un’opera di arte pubblica. Si chiama Levitated Mass e l’impressione è proprio quella di un enorme masso che lievita sopra le teste dei passanti. Foto clichè mentre si tenta di sollevarla? Da fare!
The Architectural Fragment, Melbourne - Posta di fronte alla State Library of Victoria, questa struttura piramidale rappresenta un frammento della storica biblioteca che sembra sprofondare sottoterra. Spesso utilizzata dagli skaters come rampa, lo scopo dell’Architectural Fragment è al contempo quello di riflettere il passato e la caducità del presente.
The Digital Orca, Vancouver - Uno dei più conosciuti e apprezzati pezzi di public art di tutta Vancouver, sorge proprio di fronte al New Convention Centre. Simbolo della West Coast, l’orca viene qui rappresentata da migliaia di cubi 3D e l’impressione è quella di guardare una fotografia a bassa risoluzione. I bambini l’abbracciano, i grandi la fotografano: è amatissima.

Festa dell’Uomo nudo ad Okayama Giappone

Festa dell’Uomo nudo ad Okayama Giappone

La folle, spettacolare, parossistica Hadaka Matsuri di Okayama, un fanatico rito secolare che continua a reiterarsi a dispetto dell’evoluzione iper-tecnologica del Giappone. © photo Daniele Bellucci Latitudes   [...]