In viaggio per le spiagge più strane del mondo

Non sempre alla parola spiaggia corrispondono lunghe distese di sabbia dorata. Se per quest’estate volete osare e dare una botta di colore alle vostre vacanze ecco le spiagge più strane e particolari del mondo. Dal Brasile alla Nuova Zelanda, dalla California alle Hawaii. Colori e forme inusuali non mancheranno di certo.

Lençóis Maranhenses National Park, Maranhão, Brasile - Caratteristica del parco sono le alte dune di sabbia bianca, la cui disposizione cambia a seconda del periodo dell’anno e dei venti. Ogni inizio anno le piogge bagnano il deserto e l’acqua si raccoglie nelle valli tra le dune, dando vita a lagune turchesi dove poter immergersi. Prestando attenzione, nelle acque si vede nuotare una grande varietà di pesci, risultato di un adattamento evolutivo del periodico inondarsi e prosciugarsi di queste oasi.
Koekohe Beach, Nuova Zelanda - Una distesa di sabbia con sfere di roccia che affiorano dall’acqua. Sembrano tante “uova di drago”, ma in realtà si tratta di scogli di roccia sedimentaria levigati dall’acqua dal continuo infrangersi delle onde sulla loro superficie.
Hot Water Beach, Isola del Nord, Nuova Zelanda - Sulla penisola di Coromandel, c’è un isola dotata di vere e proprie sorgenti termali sotterranee: scavando nella sabbia arriva, come per magia, l’acqua tiepida. E con un solo gesto il soggiorno balneare si trasforma in una vacanza benessere.
Giant's Causeway, Irlanda - Se non fosse che di notte non si illuminano, da lontano, le rocce della Giant’s Causey sembrerebbero tanti grattacieli uno attaccato all’altro. Situati sulla costa nord est dell’Irlanda, questi enormi blocchi di pietra sono in realtà un affioramento roccioso naturale modellato dal tempo e dal vento.
Glass Beach, Fort Bragg, California - California: spiagge bianche e palme chilometriche. Si, ma non solo. A Fort Bragg c’è un’intera spiaggia fatta di vetri colorati dalle mille sfumature. Mettete pure da parte la preoccupazione di ferirvi, il vetro è levigato dalle onde del mare e anzi, massaggia dolcemente la pianta del piede.
Kaihalulu Beach, Isola di Maui, Hawaii - Da tanti soprannominata “la spiaggia infernale” a causa del forte contrasto tra il rosso purpureo della sabbia e il nero delle rocce che la circondano, su Kaihalulu Beach, specie nei giorni di pioggia regna un’atmosfera cupa, quasi spaventosa. Con il sole cambia tutto e il verde della vegetazione accende di vivacità la spiaggia rossa.
Papakolea Beach, Hawaii - Restiamo alle Hawaii, ma dal rosso passiamo al verde. Per la vegetazione, penserete voi. E invece no, anche in questo caso è la sabbia ad essere protagonista. Papakolea è una spiaggia totalmente verde, il cui colore deriva da un’elevata presenza di olivina, minerale contenente ferro e magnesio che si presenta in natura con un colore che varia del verde oliva al giallo.
Scala dei Turchi, Sicilia - In tema di spiagge particolari anche l’Italia ha la sua bella carta da giocare: la Scala dei Turchi, situata tra Realmonte e Porto Empedocle, in provincia di Agrigento, è un’enorme scogliera dalle forme suggestive. Sembra, per l’appunto, una scalinata e il contrasto del bianco accecante della falesia di cui è costituita ben si sposa con l’azzurro del mare e del cielo.
Playa Escondida, Isole Marieta, Messico - Playa Escondida (spiaggia nascosta in italiano) nasconde un tesoro. E che tesoro! Sotto a un’ampia voragine di terra si nasconde infatti una spiaggia dalla sabbia dorata e dalle acque cristalline sui cui si riflettono le ombre della grotta che la semi-nascondono. Patrimonio dell’Unesco, la spiaggia è raggiungibile solo a nuoto o in canoa tramite un tunnel che la collega al mare.

america

Cimiteri di Parigi

Cimiteri di Parigi

Abbandonate i pensieri macabri e i luoghi comuni  e seguiteci in un racconto romantico-letterario che si dipana tra i viali dei tre cimiteri parigini più estetici e ricchi di testimonianze [...]