In roaming a costi lowPrevious Article
Flip flop mon amour Havaianas vs IpanemaNext Article

Passaporto, tutte le novità

Article
Line Spacing+- AFont Size+- Print This Article

Partiamo dalla buona notizia: la tediosissima tassa annuale per rinnovare il passaporto è finalmente sparita. Dal 24 giugno sono scattate le nuove regole in tema di rinnovo e rilascio passaporto. Con la recente conversione del Decreto legge del 24 aprile 2014 è stata abolita la marca da bollo annuale di 40,29 euro che fino a pochi giorni fa era necessaria per varcare i confini d’Europa. Soppressa anche quella per il rilascio dei passaporti collettivi, che prevedeva il pagamento di 2,58 euro per ogni componente del gruppo.

L’Italia finalmente si adegua al resto dell’Unione Europea, dove non è prevista nessuna tassa di bollo annuale. Fin qui tutto bene. Almeno per chi il passaporto già ce l’ha. Sorrideranno invece meno quelli che si apprestano per la prima volta a fare il documento di  viaggio. Aumenta infatti l’importo della tassa di concessione governativa necessaria al rilascio, che da 40, 29 euro passa a 73,50, pagabile in maniera telematica presso qualunque ricevitoria. A ciò si dovrà aggiungere il costo del libretto pari a 42,50 euro.

Il tema è infervorante e già si sprecano i commenti di chi è a favore e di chi invece lo ritiene un nuovo balzello.

Testo di Francesca Calò | FotoWeb  RIPRODUZIONE RISERVATA © LATITUDESLIFE.COM

Article