Cosa vogliono gli italiani in viaggio? Vince la tradizionePrevious Article
Weekend in Umbria da gustare in città e campagnaNext Article

Il mare fuori porta: cascate e laghi balneabili in Italia

Line Spacing+- AFont Size+- Print This Article

Per cosa optare per non rinunciare ad una piacevole nuotata ma evitare le atmosfere soffocanti delle spiagge italiane? Il Belpaese possiede un patrimonio di laghi e di fiumi spesso sottovalutato, ma metà perfetta per una vacanza alternativa e a contatto della natura.

Lago d’Iseo, Lombardia  

Uno dei laghi più famosi dell’Italia settentrionale, il Lago d’Iseo è una meta per tutti i gusti: dalla balneazione (lidi e piscine anche gratuite e con aree picnic), agli sport acquatici, ma anche itinerari culturali dei bellissimi borghi locali e musei, nonché le numerose proposte di escursionismo, di piste ciclabili e arrampicata.

Altre info sul sito ufficiale

Lago di Garda

Lago cerniera fra tre regioni (Lombardia, Veneto e Trentino Alto Adige), il Lago di Garda è un’altra meta ideale per una vacanza attiva ed originale: le proposte variano dalle semplici escursioni a piedi, in bici o a cavallo, ad accattivanti esperienze di canyoning e kite surf. Non mancano neanche le occasioni di relax nelle bellissime terme locali e nei campi da golf, nonché le proposte di parchi tematici per i più piccoli.

Altre info sul sito ufficiale

Lago del Trasimeno, Umbria

Il più esteso lago dell’Italia centrale ma al contempo scarsamente profondo (massimo sei metri), si distingue per la presenza di tre isole, di cui due visitabili: entrambe le isole di Polvese e la Maggiore offrono diversi percorsi (anche guidati) per scoprire la cultura e la natura locale.

Fiume Cecina, Toscana

Uno dei corsi d’acqua più cristallini della Toscana, il Fiume Cecina si trova nelle Riserva del Berigione ed è una ottima metà per la balneazione e il relax: si può godersi il sole accanto al celebre Masso delle Fanciulle o pranzare nella spiaggetta ombreggiata dal lato opposto.

Le cascate del Golfarone, Emilia Romagna

Poste nell’Appennino Reggiano, le cascate del Golfarone sono un’ottima alternativa alla Riviera romagnola: il fiume scorre fra le rocce e zampilla nei vari bacini naturale creatisi, offrendo la possibilità di trovare refrigerio, occasione di pesca di trote o addirittura qualche spericolato tuffo dalle cascate (alte 15 metri).

Testo di Costanza Bersani  |Riproduzione riservata © Latitudeslife.com