L’Utopia decapitata di Tommaso MoroPrevious Article
Le dieci app di viaggio utili in EuropaNext Article

Istria, un’estate tutta da gustare

Line Spacing+- AFont Size+- Print This Article

Un calendario del gusto con saporite kermesse gastronomiche caratterizza  le 4 perle dell’Adriatico, Umago, Cittanova, Verteneglio e Buie che si affacciano su un mare cristallino lungo coste chilometriche. Gli appuntamenti estivi sono in riva al mare o al castello, e sono dedicati al pesce o ai frutti della terra, come pomodori e vini.  Senza dimenticare le sagre  che animano con vivacità i borghi istriani facendone conoscere cultura e tradizioni, oltre che le ghiottonerie tipiche

Verteneglio, dalla terra al mare

Dalla festa della trebbiatura a quella del pesce, sono questi i principali eventi che animano l’estate di Verteneglio, borgo dell’entroterra ma allo stesso tempo vicino al mare. Si inizia domenica 9 luglio  con la Festa della trebbiatura, una manifestazione dedicata alle tradizioni e usanze istriane, un autentico tuffo nel passato. Oltre alla presentazione degli antichi mestieri e degli utensili che si utilizzavano nel passato, i visitatori potranno assaggiare i sapori della tradizione, scoprire come si preparavano un tempo diversi piatti, pasta e pane e abbinare il tutto con i pregiati vini del territorio dell’Istria nord-occidentale. I visitatori potranno così osservare gli artigiani intenti a creare stoffe, cucire babbucce per la notte, lavorare il legno o fare il pane. Ma il clou della festa sarà la messa in opera dell’ultracentenaria trebbiatrice per grano che regalerà emozioni a grandi e piccini.

Di tutt’altro genere la festa del pesce fresco cotto alla griglia, accompagnato al vino istriano e alle altre prelibatezze locali, alla musica dal vivo e alla romantica atmosfera del porticciolo in riva al mare, che si terrà dal 29 al 30 luglio, sul molo a Carigador, Verteneglio. La manifestazione è l’occasione per conoscere l’anima blu di Verteneglio,località dell’entroterra immersa nella natura, nota più per gli eccellenti vini e i pregiati oli d’oliva, che per il pesce. Basterà però spostarsi di appena 6 chilometri per scoprire un panorama completamente diverso, fatto di acqua cristallina e coste dove fermarsi a prendere il sole. Da non mancare sempre a Verteneglio la festa del patrono San Rocco, che si tiene a cavallo di ferragosto, dal 14 al 16 agosto. Visitatori e turisti si ritrovano insieme a rivivere la tradizione con la processione per le vie della città e la festa in piazza all’insegna della buona tavola con i piatti tipici istriani, delle  produzioni agricole locali e dei prodotti diartigianato e souvenir.

Buie, nel regno del moscato

La splendida location del castello medievale di Momiano, a Buie, ospita anche quest’anno la manifestazione eno-culturale “Nel regno del moscato”venerdì 21 luglio . Secco e dolce, di un intenso colore giallo, dall’aroma gradevole e dal gusto intenso, dall’odore dei garofani selvatici, della rosa e della salvia. Questo tipico vino istriano costituisce un’autentica prelibatezza, coltivata da anni sui colli attorno a Momiano, da abbinare ai dolci come pure ad altri piatti raffinati, preferibilmente freddo, attorno ai 12°C, quando si sprigionano intensamente le sue piacevoli proprietà. Gli appassionati avranno la possibilità di degustarlo nelle sue diverse varietà e dai produttori presenti, i cosiddetti “Moscatieri di Momiano”: Kozlović, Markežić, Sinković, Prelac e Brajko. Ad accompagnare la manifestazione gastronomica, ci sarà anche un programma culturale legato alla storia di Momiano e al suo castello.

 Umago, la giornata dei pomodori

Primo appuntamento per l’estate di Umago: la Giornata dei pomodori, che si svolge giovedì 27 luglio. Una manifestazione gastronomica dedicata alla verdura forse più popolare dell’estate, è questo il periodo ideale infatti per la raccolta dei pomodori in Istria. Nella piazza principale di Umago si possono assaggiare i diversi tipi di pomodoro e numerosi piatti a base di questo ortaggio, tra tutti la famosa šalša che si abbina in diversi modi a seconda della pasta scelta e che costituisce parte integrante del menu mediterraneo. Accanto al piacere del palato si sviluppa un ricco programma di eventi e divertimento, tra questi anche un vero e proprio concorso di bellezza che premierà l’ortaggio più grande di tutti: il mister pomodoro! Un tuffo nel passato e nella storia è invece la proposta che viene dal Festival Internazionale di antica Sepomaia viva, che si tiene a Umago dal 29 al 30 luglio . Questa manifestazione storica evoca il periodo in cui l’Istria era dominata dai Romani, quando il vino bianco si beveva col miele e il rosso coi petali di rosa, mentre le ville rustiche si animavano di vita. Era il periodo fra il I e il IV secolo e un piccolo lembo d’Istria a poca distanza da Umago era conosciuto come Sepomaia, da qui il nome del festival. In onore di questi tempi, durante le due giornate verranno offerte piattie dell’epoca romana, preparate secondo le ricette del libro di cucina di Marcus Gaius Apicius “De re coquinario”, si esibiranno danzatrici antiche e gladiatori e si potranno visitare i laboratori degli antichi mestieri di ceramica, scultura e realizzazione di mosaici. Per l’occasione, anche il Museo civico di Umago allestirà una mostra di oggetti di ceramica, ritrovati nel corso dell’esplorazione della preziosa e antica località di Catoro, situata sull’omonima punta nei pressi di Umago.

Cittanova, va in scena la sardina

Secondo l’antica cultura celtica l’1 agosto sarebbe il primo giorno dell’estate, detto Lunasa. Per questo dal 31 luglio all’1 agosto  a Cittanova, pittoresco borgo di pescatori, protetto dalle suggestive mura cittadine, si tiene l’originale Astro Party Lunasa. Tutti gli amanti della magia e dei racconti sulle antiche civiltà si danno appuntamento in occasione del festival per partecipare ai numerosi eventi educativi e d’intrattenimento previsti e per assistere alle conferenze a tema. Ma soprattutto per osservare il cielo accompagnati da guide esperte in astronomia e dai conoscitori delle stelle. Per rendere il tutto ancora più suggestivo, viene spenta l’illuminazione pubblica, mentre unamusica d’ambiente pervade le vie di CittanovaDal 25 al 28 agosto è la volta della festa di San Pelagio, il patrono della città: quattro giorni di intrattenimenti culturali, concerti, balli, competizioni sportive e un’ottima offerta gastronomica con tanto pesce e prelibatezze di mare. E se l’arrivo di settembre mette malinconia, ci pensa la Sardelafest a risollevare il morale! La manifestazione gastronomica dedicata al pesce azzurro, ricco di omega 3, si svolge l’8 settembre  a Cittanova. Estremamente salutare, nutriente, gustosa e conveniente, la sardina ha nutrito generazioni di famiglie mediterranee, e oggi ritorna sulle tavole in tantissime combinazioni fantasiose. Per apprezzare appieno il gusto del pesce, non mancheranno gli oli di oliva autoctoni e vini locali. La Sardelafest è l’occasione ideale per fare una passeggiata lungo la riva cittanovese, alla ricerca di souvenir originali fatti a mano oppure per partecipare a laboratori tematici, per far volare la fantasia e risvegliare il proprio spirito artistico, accompagnati dalle melodie dei musicisti. Durante la settimana in cui si terrà la Festa della sardina, sarà possibile gustare ottimi piatti a base di sardine e pesce azzurro anche nei ristoranti e nelle trattorie cittanovesi, dalle “sardine al savor” alle acciughe sotto sale condite solo con un po’ di pepe, cipolla e olio extra-vergine d’oliva, dalle sardine fritte a quelle fresche cotte alla brace, dallo sgombro alla cotoletta di tonno. Per info:  www.coloursofistria.com

Testo di Graziella Leporati