Matelica a Chioggia, protagonisti il Verdicchio e i sapori di mare

Verdicchio, fritture miste, vongole, cozze e bagno di acciughe: dalle Marche al Veneto, fino alla Liguria, il mese di luglio entra nel vivo e un amatissimo vino bianco insieme ai sapori di mare saranno protagonisti del fine settimana delle sagre.

UMANI RONCHI 2017 © Francesco Vignali Photography

A partire da Matelica (Macerata) che il 19 e il 20 luglio si colorerà di verde e, con il Matelica Wine Festival, dedicherà un effervescente fine settimana al suo più nobile ambasciatore: il Verdicchio. Madrina d’eccezione e conduttrice del cooking-talk show in programma venerdì sera sarà Veronica Maya; un viaggio nel Verdicchio accompagnato dalle voci dei wine makers e dai piatti di due chef locali di grande talento: Serena D’Alesio, del Relais Marchese del Grillo di Fabriano, e Simone Scipioni, vincitore dell’edizione 2018 di Masterchef. Ad accompagnare questa speciale serata anche il live di Alessandro “Dante” Mancuso, vincitore de La Corrida 2019. Nella serata di sabato, invece, Verdicchio sarà in “modalità pop” lungo le vie e le piazze del centro storico, con punti di degustazione guidata, anche in abbinamento a tante espressioni di street food proposte dai ristoratori locali in appositi spazi attrezzati. Concerti e dj set accompagneranno gli assaggi, in un clima di festa capace di coinvolgere gourmet e amanti del vino, ma non solo. L’iniziativa entra a pieno titolo tra quelle selezionate dal Grand Tour delle Marche, il circuito di eventi dedicato a cibo e manualità, promosso da Tipicità ed Anci.

A Chioggia invece, da oltre 80 anni il periodo più caldo dell’anno fa rima con la Sagra del Pesce, la festa dedicata ai sapori del mare e della laguna e alla riscoperta delle tradizioni dei pescatori. La cittadina in provincia di Venezia, strettamente legata al mare Adriatico sul quale si affaccia, proporrà fino al 21 luglio le migliori ricette a base di prodotti ittici locali da gustare negli stand gastronomici che abbelliranno Corso del Popolo, la principale via del centro storico della “piccola Venezia”. Dal pesce in saore alla frittura mista, dalle vongole e le cozze in cassopipa alle sogliole ai ferri, fino ai fasolari gratinati e alle grigliate miste di pesce, gli amanti della cucina di mare avranno davvero l’imbarazzo della scelta. E tra una portata e l’altra il divertimento sarà garantito grazie a un ricco programma di intrattenimenti con spettacoli teatrali, musica e cabaret.

Un’altra ricetta tipica marinara, ma questa volta del Tirreno che bagna la Liguria, sarà al centro della festa in programma il 20 e 21 luglio nella frazione di Riva Trigoso di Sestri Levante. Gallette di pane, acciughe e sugo di pomodori freschi sono questi gli ingredienti alla base del “bagnun”, ovvero del bagno di acciughe; un piatto povero – come quasi tutte le antiche ricette dei pescatori – ma al contempo ricco di gusto, attraverso il quale rivivere i tempi in cui il pane raffermo rappresentava spesso la forma di sostentamento quotidiana a bordo delle navi, magari da accompagnare con un pesce povero come l’acciuga. Anche quest’anno verranno utilizzate 6 quintali di acciughe rigorosamente a miglio zero del Mar Ligure, pescate tra Sestri Levante e Portofino, che saranno servite in oltre 5 mila piatti distribuiti gratuitamente.

In altri due suggestivi borghi della Penisola, intanto, fervono i preparativi per due imperdibili appuntamenti che andranno in scena a fine mese. Spina, frazione di Campello sul Clitunno in provincia di Perugia, aprirà le porte dal 27 luglio al 3 agosto per la Sagra del Tartufo e dei Prodotti Tipici: sarà una buona occasione per gustare lo scorzone in tantissime varianti, insieme a tante altre ricette tipiche del territorio. A Paganico Sabino (Rieti), invece, la storia del paese andrà in tavola il 28 luglio grazie alla Sagra delle Sagne Strasciate, un delizioso primo piatto che ancora oggi viene realizzato seguendo un’antica ricetta.

a cura di Fuoriporta  |Riproduzione riservata © Latitudeslife.com

Visto che sei arrivato qui…

... abbiamo un piccolo favore da chiederti. Molte persone stanno leggendo Latitudes mentre le entrate pubblicitarie attraverso i media stanno calando rapidamente. Vogliamo che il nostro giornalismo rimanga accessibile al nostro pubblico globale. I contributi dei nostri lettori ci consentono di mantenere questa apertura, in modo che tutti possano accedere a informazioni e analisi accurate ed indipendenti. Il giornalismo di approfondimento di Latitudes necessita di tempo, denaro e duro lavoro per produrlo. Ma lo facciamo perché crediamo che la nostra prospettiva sia importante, perché potrebbe anche essere la vostra prospettiva.

Se tutti quelli che leggono i nostri articoli aiutassero a sostenere la nostra attività, il nostro futuro sarebbe molto più sicuro. Per un minimo di € 1, puoi supportare Latitudes e richiede solo un minuto. Grazie.