A Rimini per il Meeting per l’Amicizia tra i popoli

rimini-ponte-di-Tiberio
Il Ponte di Tiberio, simbolo della città di Rimini

Non solo spiaggia e divertimento nell’agosto riminese ma da ben 40 anni subito dopo Ferragosto la città romagnola ospita uno degli eventi culturali più importanti: il Meeting per l’Amicizia tra i popoli. Il Meeting è un luogo di incontro tra fedi, culture e persone nel segno della pace e dell’amicizia, è un evento che ospita importanti personalità internazionali sia del mondo politico ma anche di quello economico, sportivo, religioso, per sette giorni di incontri, testimonianze, proiezioni e tanto altro nei padiglioni della Fiera di Rimini. L’edizione 2019, quella del quarantennale, si svolgerà dal 18 al 24 agosto e prende spunto dai versi di una poesia di Karol Wojtila “Nacque il tuo nome da ciò che fissavi”, facendo riferimento al fatto che l’esistenza di ogni uomo è data da ciò che si osserva, ovvero da ciò che si è chiamati a diventare. Un concetto profondo che farà da filone ai vari incontri che inizieranno domenica 18 alle 10.45 con la Santa Messa celebrata dal Vescovo Francesco Lambiasi presso l’Auditorium.

Gli ospiti attesi quest’anno

Sono tanti gli ospiti attesi per la quarantesima edizione del Meeting, ne segnaliamo solo alcuni nelle diverse giornate. Il Presidente del Senato della Repubblica Italiana Maria Elisabetta Alberti Casellati che aprirà gli incontri alle ore 15.00 del 18 agosto. Sempre il 18 alle 19.00 ci saranno Marta Cartabia, Vice Presidente della Corte Costituzionale e Luciano Violante, Presidente emerito della Camera dei deputati per l’incontro “Antigone, Creonte ed Edipo”; ospite sportivo invece il 19 quando arriverà Javier Zanetti, Vice Presidente dell’Inter e Membro del Comitato organizzatore delle competizioni FIFA che approfondirà il tema “Vincere ma non solo”. Martedì 20 si apre con l’intervento di Paolo Savona, Presidente CONSOB e di Giorgio Vittadini, Presidente Fondazione per la Sussidiarietà sul tema “Europa: problema o opportunità per l’Italia”, si parlerà invece di salute con Francesco Galli, Amministratore Delegato Gruppo Ospedaliero San Donato, Alberto Mantovani, Direttore di Ricerca all’Istituto Superiore di Sanità e Roberto Pella, Vice Presidente Vicario ANCI, Deputato al parlamento Italiano per “Healthy City 2.0”. Il 21 segnaliamo “Sussidiarietà e PMI per lo sviluppo sostenibile” con Alberto Brugnoli, Professore di Economia applicata, Università degli Studi di Bergamo e Direttore scientifico Fondazione per la Sussidiarietà; Massimo Carboniero, Presidente Ucimu; Nicola Semeraro, Presidente Rilegno; Giuseppe Tripoli, Segretario Generale Unioncamere.

Giovedì 22 agosto l’architetto Stefano Boeri, con il Sindaco di Milano Giuseppe Sala e quello di Tirana Erion Veliaj parlerà de “La città di oggi, la città di domani”, in serata l’allenatore di judo Gianni Maddaloni approfondirà il tema scuola, sport e famiglia con Giorgio Vittadini, Presidente Fondazione per la Sussidiarietà, prendendo come esempio quello di Scampia. Venerdì confronto tra diversi presidenti regionali (sono attesi Stefano Bonaccini, Emilia-Romagna – Massimiliano Fedriga – Friuli-Venezia-Giulia, Maurizio Fugatti – Trento, Giovanni Toti – Liguria) sul tema autonomia differenziata, mentre nel tardo pomeriggio è atteso il Ministro dell’Economia Giovanni Tria  che analizzerà “Situazione, risorse, attrattività del sistema economico italiano”.

Sabato alle 15.00 si celebrano i 50 anni dello sbarco sulla Luna con l’astronauta Paolo Nespoli insieme Roberto Battiston, Docente di Fisica all’Università di Trento e Mauro Prina, Ingegnere Meccanico mentre in serata si chiude la quarantesima edizione con il concerto “Una notte in Italia” della P&M Band Pastori & Muto + Friends. Il concerto di sabato sera è solo l’ultimo di una serie di spettacoli che andranno in scena tutte le sere a partire dalle 21.30 nella varie sale e arene della Fiera: si parte domenica 18 con lo spettacolo teatrale “Midnight Barabba” e si prosegue ogni sera con concerti, show, rappresentazioni, proiezioni, reportage.

I numeri del Meeting

Per dare un’idea dell’importanza e della imponente macchina organizzativa che c’è dietro al Meeting per l’Amicizia tra i popoli è sufficiente guardare qualche numero che ci racconta l’ultima edizione andata in scena, ovvero quella del 2018 quando a Rimini Fiera arrivarono circa 800.000 persone da 70 nazioni diverse. Durante le sette giornate si sono svolti qualcosa come 248 incontri con la presenza di 647 relatori e sono andati in scena 40 tra spettacoli e manifestazioni sportive in un’area allestita di quasi 130.000 metri quadri. Si sono accreditati più di 600 giornalisti per raccontare nelle varie testate, siti, radio e tv il Meeting, manifestazione che è resa possibile grazie ai quasi 3000 volontari provenienti da tutto il mondo che ogni anno prima e dopo per allestire, smontare e coordinare tutto.

Dove soggiornare durante il Meeting

Sono diverse le sistemazioni disponibili a Rimini e provincia ma si consiglia di prenotare con un certo anticipo perchè il periodo successivo a Ferragosto è ancora da tutto esaurito. Una soluzione comoda può essere quella del Rimini Suite Hotel, un elegante hotel 4 stelle poco distante dalla Fiera di Rimini che propone anche un’offerta dedicata per gli ospiti del Meeting. Dal Rimini Suite Hotel si può raggiungere facilmente ed in pochi minuti la Fiera o con mezzi propri o con una delle tante navette quotidiane. L’hotel dista appena 80 metri dal mare ed è dotato sia di eleganti camere standard che di lussuose suite con vasca idromassaggio esterna, oltre ad una piscina per tutti gli ospiti. Il trattamento previsto è b&b con abbondanti colazioni ricche di dolci, frutti, bevande, affettati, yogurt e tanto altro per affrontare al meglio la giornata.

A cura di Redazione| Riproduzione riservata © Latitudeslife.com

Visto che sei arrivato qui…

... abbiamo un piccolo favore da chiederti. Molte persone stanno leggendo Latitudes mentre le entrate pubblicitarie attraverso i media stanno calando rapidamente. Vogliamo che il nostro giornalismo rimanga accessibile al nostro pubblico globale. I contributi dei nostri lettori ci consentono di mantenere questa apertura, in modo che tutti possano accedere a informazioni e analisi accurate ed indipendenti. Il giornalismo di approfondimento di Latitudes necessita di tempo, denaro e duro lavoro per produrlo. Ma lo facciamo perché crediamo che la nostra prospettiva sia importante, perché potrebbe anche essere la vostra prospettiva.

Se tutti quelli che leggono i nostri articoli aiutassero a sostenere la nostra attività, il nostro futuro sarebbe molto più sicuro. Per un minimo di € 1, puoi supportare Latitudes e richiede solo un minuto. Grazie.