Voci di Maggio la Sardegna si svela tra musica folclore e gastronomia

Un suggestivo festival della canzone Voci di Maggio che tra antiche tradizioni e delizie gastronomiche, ogni anno riesce a mettere in luce il lato più autentico della Sardegna.

La manifestazione nata 19 anni fa grazie all’intuito dell’Associazione Culturale “Istentales”  tornerà l’8 e il 9 giugno a Santa Teresa di Gallura. Migliaia di visitatori affolleranno la splendida cittadina in provincia di Olbia-Tempio seguendo un ricco programma che spazia dall’artigianato alla rievocazione di antichi mestieri, dalle sagre alla gara di tosatura, e che ruoterà intorno a due grandi appuntamenti musicali a ingresso gratuito, presentati da Giuliano Marongiu. L’8 giugno a partire dalle ore 18 saliranno sul palco PFM, Istentales, Varco 0, Karma, Funky Orchestra Berchidda, Coro di Ittireddu, Su Concordu Iscanesu, Ammerare e Coro Amici del Folklore, accompagnati dalle suggestive Maschere Su Lolle e su Mascadore Padresu.

Il giorno successivo, sempre dalle 18, sarà la volta dei Modena City Ramblers, Elio, Tenore di Neoneli, Istentales, Bertas, Santa Fe, tenore Santu Caralu, Federica Loretti e Laura Spano; le maschere saranno protagoniste anche il 9 giugno, una giornata che sarà aperta alle 16 dal contest fra i giovani cantanti, con le loro proposte che spazieranno dal pop al reggae, fino al reggaeton e al cantautorato. Nei due giorni di festa, ampio spazio sarà dato alla fiera dell’artigianato e dell’agroalimentare, ai mercati di Campagna Amica, alle sagre dedicate ai piatti tradizionali dell’isola e alle rievocazioni storiche di antichi mestieri. Sabato alle ore 15 è in programma la gara di tosatura, mentre alle 17 torneranno protagonisti i ragazzi diversamente abili con il torneo di calcetto.

A Nepi, intanto, entrerà nel vivo il Palio dei Borgia, che come per magia riporterà alla luce i principali episodi della storia locale da Porta Nica a Porta Romana, dalla Cattedrale alla Piazza principale, fino ovviamente alla Rocca. Sabato 8 giugno sarà la volta di uno dei momenti più attesi, il corteo storico che vedrà sfilare centinaia di figuranti lungo le vie del centro indossando splendidi costumi, accompagnati dal ritmo dei tamburi, dallo squillare delle chiarine; al termine della sfilata i visitatori potranno assistere, nella cornice della Piazza del Comune, ad uno spettacolo che comprenderà la consegna delle chiavi a Lucrezia Borgia, evento risalente al lontano al 1499. Il 9 giugno è in programma la gara degli arcieri, mentre dal 7 al 9 le taverne delle quattro Contrade – Santa Croce, San Biagio, Santa Maria e La Rocca – saranno aperte e pronte a servire anche piatti tipici della cucina locale.

Ancora in provincia di Viterbo, dal 6 al 9 giugno Civita Castellana proporrà un grande tour enogastronomico tra le delizie del Lazio e non solo con la “Fiera Nazionale delle Sagre e della Pasta”. Dagli antipasti fino ai dolci, tantissime sagre sono pronte a deliziare i visitatori con le loro portate, tutte realizzate rigorosamente a mano secondo antiche ricette dei luoghi di provenienza. Dalla mattina alla sera, indossata “l’armatura di ordinanza” – un sacchetto di cotone, un bicchiere e un piatto di ceramica, perché Civita Castellana è nota in tutto il mondo anche per i suoi maestri del coccio – i visitatori potranno partire alla volta di un indimenticabile viaggio nel gusto a partire dalle specialità locali: i “frittelloni”, delle sfogliatine sottilissime condite con pecorino e pepe e le zuppe della Signora Ida; ci sarà poi spazio per la trippa e i fagioli de ‘zi Maria e per i prelibati gnocchi di patate proposti dalla Pro Loco di San Lorenzo Nuovo.

A Città della Pieve, infine, fervono i preparativi per l’Infiorata organizzata dai contradaioli del Terziere Casalino in omaggio al loro Patrono San Luigi Gonzaga: giunto alla 54esima edizione, l’evento organizzato dalla splendida cittadina in provincia di Perugia tornerà dal 13 al 23 giugno ad abbinare sapientemente arte, spiritualità, storia, gastronomia e antiche tradizioni popolari.

a cura di Fuoriporta  |Riproduzione riservata © Latitudeslife.com

Visto che sei arrivato qui…

... abbiamo un piccolo favore da chiederti. Molte persone stanno leggendo Latitudes mentre le entrate pubblicitarie attraverso i media stanno calando rapidamente. Vogliamo che il nostro giornalismo rimanga accessibile al nostro pubblico globale. I contributi dei nostri lettori ci consentono di mantenere questa apertura, in modo che tutti possano accedere a informazioni e analisi accurate ed indipendenti. Il giornalismo di approfondimento di Latitudes necessita di tempo, denaro e duro lavoro per produrlo. Ma lo facciamo perché crediamo che la nostra prospettiva sia importante, perché potrebbe anche essere la vostra prospettiva.

Se tutti quelli che leggono i nostri articoli aiutassero a sostenere la nostra attività, il nostro futuro sarebbe molto più sicuro. Per un minimo di € 1, puoi supportare Latitudes e richiede solo un minuto. Grazie.