Viaggio in Sudafrica, consigli sui luoghi più instagrammabili

Amanti dei viaggi e di Instagram, se siete alla ricerca di un luogo insolito e lontano  dove trascorrere una eccitante vacanza da “foto-raccontare” sul sempre più popolare social, ecco che in vostro aiuto arriva la classifica stilata dal sito “Big 7 Travel”. Secondo questa graduatoria, infatti, nella “Top 5” delle destinazioni più instagrammabili al mondo nel 2019 spicca il Sudafrica.

Paesaggi mozzafiato,  meraviglie naturali uniche e siti di grande interesse culturale: sono questi i tesori che fanno del Paese una meta di indubbio fascino tanto da essere inserito nell’ambita “World’s Most Instagrammable Countries 2019”.

Lo stesso portale, inoltre, indica anche i luoghi più spettacolari del Sudafrica da fotografare anche con un semplice  smartphone. Scatti che, poi, possono essere condivisi su Instagram suscitando l’invidia dei propri follower.

Foto di Albert Dezetter da Pixabay

(Mpumalanga)

In olandese ”blyde” significa “felice”. Una parola, questa, non usata a caso. Con la sua maestosità, infatti, questo canyon è in grado di suscitare stupore e felicità in chi lo osserva.

Situato nella parte settentrionale dei monti Drakensberg, il canyon si estende per oltre 26 km verso nord e include alcune meraviglie naturali di indiscusso fascino tra cui Bourke’s Luck Potholes, Three Rondavels, Pinnacle Rock e God’s Window.

Il canyon, il terzo più grande del mondo, si distingue per la sua vegetazione rigogliosa che ricopre le pareti di roccia rossa e per le numerose cascate che addolciscono il selvaggio panorama regalando scorci dove scattare fotografie spettacolari.

Il Blyde River Canyon è ideale per svolgere attività sportive come arrampicata, equitazione, rafting, pesca, ciclismo, gite in barca e voli in mongolfiera.

Camps Bay (Western Cape)

In Sudafrica, soprattutto lungo la  Victoria Road nei dintorni di Cape Town, ci sono diverse piscine di marea, perfette per momenti di assoluto relax. Ogni piscina ha qualcosa che la rende speciale; una delle più apprezzate è quella di Camps Bay grazie al suo affaccio sulla spiaggia e sui “12 apostoli”. In estate, quest’area è un punto di ritrovo sia per i locali che per i turisti che qui trascorrono le calde giornate  gustando deliziosi pic nic all’aria aperta o assaporando il braai, il tradizionale barbecue sudafricano. La piscina è riparata e adatta anche per i più piccoli.

Magwa Falls (Eastern Cape)

Le Magwa Waterfall si trovano a circa 8 km dalla località di Lusikisiki, all’interno delle vaste piantagioni di tè di Magwa. Le cascate sono un vero e proprio spettacolo della natura e sono facilmente accessibili, a differenza di altre che richiedono ingenti sforzi e una buona preparazione atletica. Il getto è alto 144 metri con l’acqua che scende lungo lo strapiombo e si tuffa perpendicolarmente nel canyon sottostante, la cui apertura si deve ad un terremoto. Selvagge e scenografiche, le Magwa Falls vengono spesso paragonate alle Victoria Falls, anche se in miniatura. Una meta ideale per un’immersione nella natura dove scattare foto a dir poco spettacolari.

Lake Eland Game Reserve (KwalaZulu-Natal)

Con un’estensione di ben 2500 ettari, all’interno dei quali si trovano diversi ecosistemi  come prateria, foresta costiera e zone umide, la Lake Eland Game Reserve è una vera e propria oasi di pace e tranquillità. La riserva, fondata nel 2013, prende il nome dal grande lago a forma di antilope che si trova al suo interno. Quest’area del Sudafrica, inoltre, è il posto perfetto dove vivere avventure indimenticabili. Ad esempio, brividi sono garantiti se si percorre il ponte sospeso di Oribi Gorge, lungo 80 metri e alto 130. Dall’alto, si possono scorgere gli animali selvatici dall’alto, tra cui zebre, giraffe, oribi e facoceri.

Kgalagadi Transfrontier Park (Northern Cape)

Situato al confine tra Sudafrica, Botswana e Namibia, il Kgalagadi è un semi deserto di dune rosse che contrastano con il verde della vegetazione che le ricopre. Il territorio è ancora più spettacolare al tramonto quando il cielo si colora di mille eteree tonalità. Il Kgalagadi è un luogo magico, reso ancora più speciale dalla varietà di specie faunistiche presenti. Con un po’ di fortuna, è possibile avvistare erbivori di grossa taglia come gazzelle, gnu striati e antilopi. Ma i veri protagonisti di questo deserto sono i predatori: ghepardi, leopardi, iene macchiate e leoni dalla criniera nera si aggirano nella natura incontaminata.

Testo di Gabriele Laganà|Riproduzione riservata © Latitudeslife.com

Visto che sei arrivato qui…

... abbiamo un piccolo favore da chiederti. Molte persone stanno leggendo Latitudes mentre le entrate pubblicitarie attraverso i media stanno calando rapidamente. Vogliamo che il nostro giornalismo rimanga accessibile al nostro pubblico globale. I contributi dei nostri lettori ci consentono di mantenere questa apertura, in modo che tutti possano accedere a informazioni e analisi accurate ed indipendenti. Il giornalismo di approfondimento di Latitudes necessita di tempo, denaro e duro lavoro per produrlo. Ma lo facciamo perché crediamo che la nostra prospettiva sia importante, perché potrebbe anche essere la vostra prospettiva.

Se tutti quelli che leggono i nostri articoli aiutassero a sostenere la nostra attività, il nostro futuro sarebbe molto più sicuro. Per un minimo di € 1, puoi supportare Latitudes e richiede solo un minuto. Grazie.