North Dakota, un leggendario viaggio sul Missouri

E’ proprio in North Dakota che Theodore Roosevelt giunse nel 1883 per cacciare il bisonte. Era un giovane newyorchese ansioso di provare l’esperienza “dude” nel West e fuggire da tristi fatalità famigliari. Non avrebbe mai potuto allora immaginare quanto questa sua avventura in questa parte remota e poco conosciuta d’America, contribuisse,successivamente, ad un cambio sostanziale del percorso della nazione.

Il paesaggio aspro e la vita strenua del North Dakota, che Theodore Roosevelt ha vissuto, hanno coadiuvato la creazione di una politica di tutela del territorio, della quale ancora oggi se ne godono ampiamente i benefici.  Ecco quindi che già solo il Theodore Roosevelt National Park può essere l’incipit alla scoperta di questo stato: un parco nazionale che onora il 26° Presidente americano dove è possibile ammirare bisonti e mandrie cavalli selvaggi correre liberamente tra le badlands. Una strada scenografica conduce al Painted Canyon Overlook per meravigliose panoramiche e molteplici i sentieri per hiking e le opportunità per campeggiare.

Ma Roosevelt è solo una delle leggendarie figure che sono state forgiate dal North Dakota.  Il capo indiano Toro Seduto ha vissuto nei pressi di Fort Yates,  a pochi km da Fort Abraham Lincoln, dove sorge la casa che fu abitata da George Armstrong Custer, sconfitto durante la battaglia di Little Bighorn in Montana ed è proprio qui gli esploratori Lewis e Clark incontrarono Sakakawea, che guidò il Corps of Discovery nel suo viaggio verso l’Oceano Pacifico.  Un viaggio in North Dakota  è un viaggio alla scoperta di come vissero questi personaggi storici al Theodore Roosevelt National Park, al Fort Abraham Lincoln State Park, nei villaggi nativi all’ On-A-Slant Indian Village,  al Knife River Indian Villages National Historic Site e al Fort Union Trading Post National Historic Site, punto di scambi commerciali tra trapper e nativi.

Per assaporare invece l’atmosfera del vecchio West invece si visita la piccola e graziosa Medora con i suoi saloon, la Cowboy Hall of Fame e si assiste al Medora Musical, spettacolo western in calendario ogni sera d’estate da giungo a settembre. Da non perdere Bonanzaville, città di frontiera e museo ricreati dall’originale, per conoscere la vita di una cittadina del Midwest nel 19° secolo, mentre uno spirito un po’ più urbano si respira nelle città dello stato che vantano shopping genuinamente Made in North Dakota, ottimi birrifici artigianali, intrattenimenti musicali dal vivo e molteplici attività ricreative e sportive. Come Fargo che sorge direttamente sul fiume Red River of the North al confine con il Minnesota.

Dalle sue origini pionieristiche di fine ‘800 con saloon e bordelli e solo 600 anime, la sua crescita ad oggi è stata esponenziale. Ma è il suo spirito ad ammaliare il viaggiatore ad iniziare dall’ironia della famosa cippatrice del film Fargo dei fratelli Coen, che dà il benvenuto al Visitor Center.

La zona di Bismarck-Mandan nel North Dakota è ricca di storia e cultura. Bellissimo è il North Dakota Heritage Center & State Museum, museo che ripercorre la storia dello stato dalla preistoria fino ai giorni nostri. Nel vicino On-A-Slant Indian Village si apprende come vivevano gli indiani delle praterie che abitarono queste zone tra il 1575 e il 1781. Ogni anno a settembre  è possibile assistere allo United Tribes International Powwow a Bismarck, spettacolo delle tribù di Nativi americani provenienti da ogni parte del mondo:  musiche di tamburi, canti ed esibizioni nel più importante powwow della zona. Oppure si naviga il maestoso Missouri River sulla Lewis & Clark Riverboat mentre a Fort Mandan, sulle sponde del fiume Missouri si percorre il Missouri Valley Legacy Trail un’iniziativa congiunta tra le città di Bismarck e Mandan,ovvero un percorso storico, ricreazionale e culturale lungo il fiume Missouri.

Il tour proposto da Cividin Viaggi ripercorre proprio il Legacy Trail e porta alla scoperta delle principali attrattive del North Dakota da Fargo a Minot fino alla zona di Bismark/Mandan.

Per info vistare il sito North Dakota

Redazione | Riproduzione riservata Latitudeslife.com

Visto che sei arrivato qui…

... abbiamo un piccolo favore da chiederti. Molte persone stanno leggendo Latitudes mentre le entrate pubblicitarie attraverso i media stanno calando rapidamente. Vogliamo che il nostro giornalismo rimanga accessibile al nostro pubblico globale. I contributi dei nostri lettori ci consentono di mantenere questa apertura, in modo che tutti possano accedere a informazioni e analisi accurate ed indipendenti. Il giornalismo di approfondimento di Latitudes necessita di tempo, denaro e duro lavoro per produrlo. Ma lo facciamo perché crediamo che la nostra prospettiva sia importante, perché potrebbe anche essere la vostra prospettiva.

Se tutti quelli che leggono i nostri articoli aiutassero a sostenere la nostra attività, il nostro futuro sarebbe molto più sicuro. Per un minimo di € 1, puoi supportare Latitudes e richiede solo un minuto. Grazie.