Cremona la festa del torrone sotto il segno di Mina

 

Cremona

L’edizione del 2018 della Festa del Torrone di Cremona è all’insegna del Novecento e di Mina.
Da sabato 17 a domenica 25 novembre, ben 9 giorni di festa trasformano Cremona nella capitale nazionale dell’intrattenimento e del dolce star bene!  
Questa edizione è interamente dedicata al Novecento, il “secolo breve” come spesso è stato chiamato, il secolo delle due guerre ma anche delle grandi scoperte, il secolo della Comunicazione e della Globalizzazione, il secolo che, nel bene e nel male, ha dato una grande accelerata alla storia, alla scienza, all’arte e ai cambiamenti sociali. Un focus tutto particolare è incentrato sulla più grande protagonista cremonese del ‘900: Mina. La Tigre di Cremona.  non fisicamente presente, è infatti al centro di moltissime iniziative, spettacoli, concerti, musical, infiorate, performance ed altro ancora. Tutto per celebrare un’artista unica e meravigliosa che ha portato il nome della città nel mondo.

Obiettivo della SGP Events, la società che ormai da 11 anni organizza l’evento, è di superare il grande successo degli ultimi anni. Nel 2017 sono state 300mila le presenze in 9 giorni, 80 tonnellate di torrone venduto, oltre 350 pullman arrivati in città, 400 camper da tutta Italia, ristoranti e locali della città assediati dai visitatori. E per farlo si punta su molte conferme ma altrettante novità. Non mancano infatti le costruzioni giganti di torrone, la rievocazione del matrimonio tra Francesco Sforza e Bianca Maria Visconti e il Torrone d’oro, ad esempio, ma entrano anche iniziative di carattere storico, di animazione e intrattenimento. In esposizione  le costruzioni gigante in torrone Sperlari, delle precedenti edizioni, e confermatissimo è anche lo spettacolo finale, momenti eccezionale e travolgente che esprimerà suggestive ambientazioni, grandi effetti scenografici e musiche coinvolgenti. Assolutamente da non perdere!

Il Torrazzo, Cremona

Ovviamente, trattandosi della Festa più dolce d’Italia, imprescindibili sono le degustazioni di torrone in mille varianti di abbinamento, per poter apprezzare e scoprire sempre nuovi modi per gustare al massimo lo squisito dolce cremonese.

Come ogni anno, poi, la Festa ha molti ospiti prestigiosi che intervengono durante la kermesse, e a due di loro sarà consegnato il tradizionale Torrone d’Oro, riconoscimento che premia chi rappresenta Cremona ed il suo territorio in Italia e nel mondo. Il regista Marco Tullio Giordana e la produttrice e sceneggiatrice Cristiana Mainardi, cremasco il primo e cremonese la seconda, saranno i premiati del Torrone d’Oro della Festa del Torrone 2018, a Cremona dal 17 al 25 novembre 2018.  Tra le novità di quest’anno c’è il ritorno del “Torrone Live”, nella Loggia dei Militi nei due weekend di Festa. Un evento che prevede la produzione in piazza del torrone e la distribuzione al pubblico del dolce appena realizzato, creando un momento di degustazione spettacolare.

Sperlari, da oltre 20 anni main sponsor della Festa del Torrone, sostiene anche nel 2018 la festa più golosa di Cremona. Fra le iniziative anche i laboratori del gusto. Da lunedì 19 a venerdì 23 novembre, la sede dell’azienda ospiterà i Laboratori del Gusto, l’appuntamento fisso che Sperlari propone ai più curiosi per visitare il reparto produttivo del torrone in piena attività e partecipare alla degustazione di due ricette gourmet, una dolce e una salata, in cui il torrone è il protagonista. Entrambe le ricette saranno realizzate dai ragazzi dell’Istituto Tecnico Einaudi di Cremona. Inoltre la domenica di chiusura della Festa del Torrone avrà due momenti topici. Il pomeriggio, Piazza del Comune ospiterà un momento di celebrazione della Tigre di Cremona: uno spettacolo emozionante che unisce musica e immagini. Tutto questo farà da cornice alla presentazione della costruzione gigante di torrone, che quest’anno sarà una celebrazione dei 60 anni di carriera di Mina.

Per info:www.festadeltorrone.com

Testo  di Graziella Leporati | Riproduzione riservata latitudeslife.com

Visto che sei arrivato qui…

... abbiamo un piccolo favore da chiederti. Molte persone stanno leggendo Latitudes mentre le entrate pubblicitarie attraverso i media stanno calando rapidamente. Vogliamo che il nostro giornalismo rimanga accessibile al nostro pubblico globale. I contributi dei nostri lettori ci consentono di mantenere questa apertura, in modo che tutti possano accedere a informazioni e analisi accurate ed indipendenti. Il giornalismo di approfondimento di Latitudes necessita di tempo, denaro e duro lavoro per produrlo. Ma lo facciamo perché crediamo che la nostra prospettiva sia importante, perché potrebbe anche essere la vostra prospettiva.

Se tutti quelli che leggono i nostri articoli aiutassero a sostenere la nostra attività, il nostro futuro sarebbe molto più sicuro. Per un minimo di € 1, puoi supportare Latitudes e richiede solo un minuto. Grazie.