Pasta Pesto Day: via alla campagna di fundraising per Genova

pasta pesto day

Dopo la tragedia del Ponte Morandi, Genova e la Liguria combattono per rialzarsi. Scatta la campagna di fundraising Pasta Pesto Day.

È quasi tutto pronto per il Pasta Pesto Day. In concomitanza con la Settimana della Cucina Italiana nel Mondo che si svolgerà dal 19 al 25 novembre, è partita la campagna di comunicazione e fundraising per sostenere la causa e l’emergenza del crollo del Ponte Morandi del 14 agosto. L’obiettivo è duplice, rilanciare l’immagine positiva e accogliente del territorio ligure e raccogliere fondi a favore del conto corrente del Comune di Genova, e l’atmosfera unica. La solidarietà, infatti, si abbraccerà all’esperienza diretta nel food, per cui, per ogni piatto consumato di pasta al pesto – simbolo regionale –  verranno devoluti 2 Euro alla città (1 Euro dal ristoratore e 1 Euro dal cliente).

L’iniziativa ha fin da subito trovato tantissimi consensi: dai partner istituzionali e privati come il Ministero per Politiche Agricole e Turismo e il Ministero Affari Estero, agli enti per la promozione turistica, passando per Slow Food e SlowFood International e per i più importanti partner economici presenti nel capoluogo, come Costa Crociere e Aeroporto di Genova. E, ad oggi, il passaparola per il Pasta Pesto Day sembra inarrestabile, tanto da aver smosso ristoratori d’oltreoceano e stellati.

Il Brasile, ad esempio, con una batteria di 20 ristoranti italiani a San Paolo, sarà il primo Paese testimonial e le adesioni degli altri ristoratori sono già più di cinquanta. Tra queste, Manuelina, con la sua focaccia al formaggio di Recco, Zeffirino, che per primo ha fatto conoscere il pesto nel mondo, The Cook al Cavo di Ivano Ricchebono, Davide Oldani star della cucina pop italiana, Magorabin e la Credenza di Torino, e, da New York, Madforitaly.net , la prima piattaforma in inglese che promuove il nostro Paese.

Il gruppo Eataly, invece, organizzerà una “staffetta” nei grandi Store di San Paolo, New York, Los Angeles e Monaco di Baviera: qui verranno impastati a mano gli gnocchi di patate e verrà fatta una dimostrazione di pesto al mortaio per portare l’iniziativa all’attenzione del grande pubblico e stimolarlo a progettare una vacanza in Liguria.

Anche sui social si muovono le acque ed è nato l’hashtag dedicato #pastapestoday. In rete, grazie ai 48 influencer, blogger e instagrammer selezionati e appartenenti a 10 Paesi diversi nel mondo, si prevede di dare una copertura mediatica di circa 3,8 milioni di contatti. Tra gli italiani sono già all’opera Chiara Maci, Manuela Vitulli, Veruska Anconitano ed Elisa e Luca di Miprendoemiportovia.

Insomma, come sostiene il presidente della regione, la Liguria c’è. E non si arrende.

Info utili

L’iniziativa è rivolta a tutti i ristoratori in Italia e all’estero che potranno aderire iscrivendosi al sito

Testo di Redazione|Riproduzione riservata © Latitudeslife.com

Visto che sei arrivato qui…

... abbiamo un piccolo favore da chiederti. Molte persone stanno leggendo Latitudes mentre le entrate pubblicitarie attraverso i media stanno calando rapidamente. Vogliamo che il nostro giornalismo rimanga accessibile al nostro pubblico globale. I contributi dei nostri lettori ci consentono di mantenere questa apertura, in modo che tutti possano accedere a informazioni e analisi accurate ed indipendenti. Il giornalismo di approfondimento di Latitudes necessita di tempo, denaro e duro lavoro per produrlo. Ma lo facciamo perché crediamo che la nostra prospettiva sia importante, perché potrebbe anche essere la vostra prospettiva.

Se tutti quelli che leggono i nostri articoli aiutassero a sostenere la nostra attività, il nostro futuro sarebbe molto più sicuro. Per un minimo di € 1, puoi supportare Latitudes e richiede solo un minuto. Grazie.