Biennale Foto/Industria, ultime settimane di apertura

Mimmo Jodice_Napoli 1973

Per chi non l’avesse ancora fatto, è tempo di recarsi a Bologna per vedere la Biennale Foto/Industria 2017 dal titolo Etica ed estetica al lavoro, aperta dal 12 ottobre fino al 19 novembre 2017.

Si tratta della prima Biennale dedicata alla fotografia dell’industria e del lavoro. 14 mostre di 14 differenti artisti di fame internazionale saranno visitabili in 13 location storiche del centro di Bologna  e presso il MAST (Manifattura di Arti, Sperimentazione e Tecnologia). Un evento diffuso che offre l’occasione di esplorare nuovi scenari della creazione fotografica  e scoprire una città sorprendente. La mostra al MAST sarà l’unica a seguire fino al 14 gennaio 2018 con ingresso libero.

Michele Borzoni_Concorso per l’assunzione di 40 storici dell’arte da parte del Ministero dei Beni e le Attività Culturali.

L’idea di Foto/Industria è nata nel 2013 per seguire e diffondere i principi imprenditoriali e culturali della Fondazione MAST, centro culturale legato al gruppo industriale Coesia, che funge da tramite tra impresa e comunità e si configura come luogo di condivisione e collaborazione, ospitando diverse attività tra cui gallerie fotografiche legate alla civiltà industriale.

In questa terza edizione il direttore artistico Francois Hèbel, attraverso le opere di grandi fotografi, invita i visitatori a indagare con sguardo differente il rapporto tra l’uomo e il lavoro nei suoi aspetti sociali, politici, economici e filosofici.

Alexandre Rodch_Fabbrica di legname “Vakhtan”, regione del Nijny Novgord, 1930

Lo scopo di questo evento per la Fondazione MAST consiste nell’offrire al pubblico una testimonianza artistico-creativa con un grande valore estetico e portare l’attenzione verso i valori etici dell’identità industriale di Bologna.

Questa edizione della Biennale sarà aperta per 39 giorni e le esposizioni saranno accompagnate da un programma ricco di eventi. Questi avranno luogo prevalentemente al MAST, e saranno gratuiti ma con prenotazione obbligatoria. Gli eventi consisteranno prevalentemente in visite guidate, incontri, workshop, performance teatrali e concerti.

Vincent Fournier_Murata Boy #1, quartier generale Murata, Nagaokakyo-shi, Kyoto, Giappone, 2010

Tra le tante esposizioni due sono curate da Urs Stahel. Una è quella di Thomas Ruff, presso la sede del MAST. Il fotografo rappresenta il prototipo di artista dedito alla ricerca e presenta immagini sul tema macchine ed energia. L’altra è quella di Carlo Valsecchi: Sviluppare il futuro, all’ex Ospedale degli Innocenti. Sono qui esposte immagini di grande formato realizzate su uno dei più innovativi stabilimenti italiani.

Per maggiori informazioni consultare il sito dell’evento Foto/Industria

Testo di Chiara Dalla Fontana |Riproduzione riservata © Latitudeslife.com

Visto che sei arrivato qui…

... abbiamo un piccolo favore da chiederti. Molte persone stanno leggendo Latitudes mentre le entrate pubblicitarie attraverso i media stanno calando rapidamente. Vogliamo che il nostro giornalismo rimanga accessibile al nostro pubblico globale. I contributi dei nostri lettori ci consentono di mantenere questa apertura, in modo che tutti possano accedere a informazioni e analisi accurate ed indipendenti. Il giornalismo di approfondimento di Latitudes necessita di tempo, denaro e duro lavoro per produrlo. Ma lo facciamo perché crediamo che la nostra prospettiva sia importante, perché potrebbe anche essere la vostra prospettiva.

Se tutti quelli che leggono i nostri articoli aiutassero a sostenere la nostra attività, il nostro futuro sarebbe molto più sicuro. Per un minimo di € 1, puoi supportare Latitudes e richiede solo un minuto. Grazie.