Bruce Springsteen: il nuovo album Wrecking Ball in viaggio tra America reale e immaginaria

bruce springsteen

“Grab your ticket and your suitcase
Thunder’s rolling down the tracks
You don’t know where you’re goin’
But you know you won’t be back”

Inizia così la canzone Land of Hope and Dreams, che troverà posto nel nuovo album di Bruce Springsteen Wrecking Ball, la cui uscita è prevista per il prossimo 6 marzo 2012. “Ho vissuto la maggior parte della mia vita da musicista a misurare la distanza tra il sogno americano e la sua realtà”, ha spiegato l’autore, che con il nuovo lavoro intraprende un viaggio negli States fra realtà e territorio immaginato: un’America vissuta nel quotidiano, mentre l’orizzonte di un futuro migliore incontra e scontra l’oscurità fin troppo ovvia delle retrovie, dove ci si può perdere e ritrovare, forse un giorno finalmente consapevoli di se stessi.

Il nuovo album di inediti Wrecking Ball sarà preceduto dal singolo apripista We Take Care Of Our Own: gospel e chitarra, simboli della patria Stelle e Strisce, fanno sì che la musica ripercorra la storia americana, dall’uragano Katrina del 2005 a New Orleans alla crisi, mentre l’embrionale sagoma di una nuova America inizia a dare vita all’organismo del presente. Un’America profondamente cambiata, disperatamente bisognosa di ossigeno, lentamente conscia di uno sguardo sul presente da rimodellare alla luce di parametri differenti.

Prodotto da Ron Aniello con la partecipazione di Tom Morello dei Rage Against The Machine alla chitarra e di Matt Chamberlain dei Pearl Jam alla batteria, Wrecking Ball di Springsteen è il primo disco dopo la morte, avvenuta lo scorso giugno, di Big Man, il sassofonista Clarence Clemons che dal 1973 ha calcato i palchi a fianco a Bruce Springsteen.

Il diciassettesimo album del ragazzo del New Jersey sembra vibrare così soprattutto nelle periferie, mentre i movimenti di protesta contro le speculazioni finanziarie scendono in piazza e roccaforti del potere come Wall Street restano, solitarie Fortezze Bastiani, immani eppure malinconiche, nei deserti metropolitani: We Are Alive, grida la traccia, e con essa lo spirito rivolto a milioni di americani. E in questa terra di sogni e speranza, Land of Hope and Dreams, mai come ora sembrano essere necessari parole e ritmi inediti.

Maddalena De Bernardi

Ecco il video del nuovo singolo di Bruce Springsteen We Take Care Of Our Own

Visto che sei arrivato qui…

... abbiamo un piccolo favore da chiederti. Molte persone stanno leggendo Latitudes mentre le entrate pubblicitarie attraverso i media stanno calando rapidamente. Vogliamo che il nostro giornalismo rimanga accessibile al nostro pubblico globale. I contributi dei nostri lettori ci consentono di mantenere questa apertura, in modo che tutti possano accedere a informazioni e analisi accurate ed indipendenti. Il giornalismo di approfondimento di Latitudes necessita di tempo, denaro e duro lavoro per produrlo. Ma lo facciamo perché crediamo che la nostra prospettiva sia importante, perché potrebbe anche essere la vostra prospettiva.

Se tutti quelli che leggono i nostri articoli aiutassero a sostenere la nostra attività, il nostro futuro sarebbe molto più sicuro. Per un minimo di € 1, puoi supportare Latitudes e richiede solo un minuto. Grazie.