Vienna centro di Europa

Vienna. Il palazzo di Schönbrunn



Classica ed elegante, maestosa e romantica: questi sono solo alcuni degli aggettivi che si possono legare a Vienna, una città dove la cultura ha la propria anima nei numerosi musei e monumenti e dove la musica ha un suo fascino particolare e coinvolgente. Per la sua posizione nel cuore d’ Europa, la magnifica capitale dell’Austria è stata al centro di numerosi eventi storici, alcuni dei quali di portata mondiale. La città è grande ma il trasporto pubblico è efficiente. Per andare alla sua scoperta non si può non partire dal suo centro storico, dichiarato dall’UNESCO patrimonio storico e culturale dell’Umanità. E proprio qui si trova l’ utilissimo Ufficio Informazioni dove si può acquistare la Vienna Card, prezioso strumento che permette di ottenere un grande numero di agevolazioni. E così può iniziare

Vienna. Il Museo Albertina

il tour della città: la prima attrazione da visitare si trova proprio a due passi dal punto informazioni. Il Museo Albertina è il più grande palazzo residenziale degli Asburgo ed ospita una delle collezioni d’arte grafica più importanti nel mondo: inoltre è possibile visitare le grandi e sfarzose sale dove sono presenti ancora alcuni mobili originali dell’epoca imperiale. A fianco ad esso sorge il Palazzo imperiale Hofburg, che fu costruito inizialmente come castello medievale. E questo lo si può notare dalle tracce che ancora oggi sono conservate nella Cappella gotica, luogo dove ogni domenica i Piccoli Cantori Viennesi cantano la Messa. Nel corso dei secoli fu ampliato sempre più seguendo l’espansione austriaca. Oggi hanno qui sede la presidenza della Repubblica e numerosi musei, tra i quali spiccano il Museo di Sissi, gli Appartamenti Reali, il Museo delle Argenterie di Corte, la Camera del Tesoro e la Biblioteca Nazionale. Spostandosi di poco verso est ecco un altro dei luoghi maggiormente visitati della città: il Duomo di Santo Stefano, imponente costruzione in stile gotico che ospita numerosi tesori artistici. La carica spirituale che si avverte all’interno è davvero senza pari. E’ possibile anche salire in cima alla torre, punto dal quale si ammira un panorama straordinario. Da non trascurare il vicinissimo Museo Arcivescovile del Duomo dove sono conservati

Vienna. La cattedrale di Santo Stefano

preziosi oggetti d’ arte sacra e strumenti liturgici. E proprio di fronte al Duomo sorge la Mozarthaus Wien, una casa divenuta oggi museo dove Mozart ha trascorso alcuni anni della sua vita. Ed è proprio qui che il compositore scrisse una delle sue opere più importanti: Le nozze di Figaro. Ma Vienna è famosa anche per la torta Sacher. Un posto ideale per una pausa è proprio il Cafè Sacher, che si trova in pieno centro nelle vicinanze del Museo Albertina: visto che è uno dei simboli della città, assaggiare questo delizioso dolce lo si può considerare come un ulteriore momento dedicato alla cultura. Un altro importante museo che si trova nelle vicinanze è il Museo delle Belle Arti, dove sono conservate statue di marmo, collezioni egizio-orientali e numerosi quadri di famosi artisti tra i quali ricordiamo gli italiani Tiziano e Caravaggio oltre ad una vasta collezione, la più grande del mondo, di opere di Bruegel. Tutti questi tesori sono stati conservati nel corso dei secoli dagli imperatori. Ma Vienna ha un quartiere tutto dedicato ai musei: questa zona non a caso si chiama MuseumQuartier, e sorge di fronte al Museo delle Belle Arti. Il più visitato è il Museo Leopold, che conserva centinaia di opere d’ arte e la più grande collezione al mondo di opere di Egon Schiele, senza dimenticare i capolavori di Klimt. E proprio in occasione del 150° anniversario dalla nascita di quest’ultimo, la città celebrerà nel 2012 la rassegna “Klimt2012”, manifestazione culturale che prevede mostre straordinarie in 8 musei nelle quali saranno esposti dipinti, disegni e altri lavori del grande artista. Ancora nel MuseumQuartier interessanti per una visita sono il museo d’ Arte Moderna, il Museo per bambini Zoom. Ma tutta questa zona è ricca di teatri, caffè, e aree verdi. Più distante dal centro, ma facilmente raggiungibile con la metropolitana, sorge il maestoso Castello di Schonbrunn, un tempo residenza estiva degli Asburgo. Da non perdere una visita alle sale del Castello, al labirinto del grande parco, al giardino

Vienna. La nuova Opera House

zoologico, alla serra delle palme e infine  l’ assaggio di un dolce alla Gloriette. Ritornando in pieno centro, nei pressi del già citato MuseumQuartier, si trova il  Naschmarkt, il mercato più popolare di Vienna, con oltre cento bancarelle di generi alimentari provenienti da diversi paesi del mondo. Un ottimo luogo per mangiare e per  conoscere altre persone. Nei pressi del mercato si trova il Belvedere, altra residenza della famiglia imperiale: circondato da uno splendido parco, è composto da due castelli: il Belvedere Superiore e quello Inferiore. Il primo ospita numerose opere d’ arte come i dipinti di Klimt con il suo celebre capolavoro “Il bacio”, Schiele e opere del Barocco. Nel secondo si possono ammirare le lussuose sale di rappresentanza, le Scuderie di rappresentanza e il Tesoro d’ arte Medioevale, oltre ai giardini. Ad est sorge il Prater, altro polmone verde ed enorme parco di divertimenti con circa 250 attrazioni, che invita a fare piacevole passeggiare, rilassarsi e praticare sport all’aria aperta. Qui è presente la Ruota panoramica alta circa 64 metri che offre una vista spettacolare. Ma Vienna è anche la città della musica: valzer ed operette sono di casa. Molti locali offrono serate con musica classica dal vivo. Il modo migliore per concludere la visita di una bellissima città.


Testo di Gabriele Laganà            Foto: Ente del Turismo di Vienna


Vai alle informazioni utili

Visto che sei arrivato qui…

... abbiamo un piccolo favore da chiederti. Molte persone stanno leggendo Latitudes mentre le entrate pubblicitarie attraverso i media stanno calando rapidamente. Vogliamo che il nostro giornalismo rimanga accessibile al nostro pubblico globale. I contributi dei nostri lettori ci consentono di mantenere questa apertura, in modo che tutti possano accedere a informazioni e analisi accurate ed indipendenti. Il giornalismo di approfondimento di Latitudes necessita di tempo, denaro e duro lavoro per produrlo. Ma lo facciamo perché crediamo che la nostra prospettiva sia importante, perché potrebbe anche essere la vostra prospettiva.

Se tutti quelli che leggono i nostri articoli aiutassero a sostenere la nostra attività, il nostro futuro sarebbe molto più sicuro. Per un minimo di € 1, puoi supportare Latitudes e richiede solo un minuto. Grazie.