ISRAELE (4) Ajami

ajami borgo 620x160 ISRAELE (4) Ajami

DSCN9748 225x300 ISRAELE (4) AjamiConoscevo il vecchio borgo di Jaffa, alla periferia sud di Tel Aviv, la lunga e stupenda passeggiata lungomare che vi porta, il cuore del quartiere riabilitato con gusto misto a vecchi negozietti, mercatini, casino e disordine levantini conoscevo il vecchio porto, i ristorantini, le belle iniziative culturali ed artistiche che vi si organizzano ma ignoravo totalmente la realtà di Ajami. Ajami è un quartiere a sud della vecchia Jaffa, fondato a fine ‘800 da arabi maroniti, si snoda sulla collina verso l’interno, proprio dopo il porto. Il quartiere è stato teatro di grandi scontri durante la guerra di Indipendenza israeliana. Il 13 maggio 1948, un giorno prima della dichiarazione dello Stato di Israele, la popolazione di Jaffa, a maggioranza araba, si  ribellò, molti oppositori resistenti ripararono ad Ajami, altri furono espulsi o emigrarono. Il quartiere di Ajami, quartiere sempre “politicamente caldo”, è  stato soggetto negli anni a  controlli e limitazioni da parte del governo israeliano. Ajami nel tempo si è progressivamente degradato, povero, malfamato, grande spaccio di droga, uno di quei posti, credo, in cui la polizia israeliana certo non ama entrare. Nel graduale processo di urbanizzazione e ricomposizione del tessuto sociale misto, arabi, cristiani ed ebrei, ci sono alcune iniziative di successo come l’Arab-Jewish Community Center o il Peres Center for Peace, progettato dal punto di vista architettonico dal nostro Massimiliano Fuksas, ma innegabile il contrasto tra lo sforzo immobiliare di lusso delle nuove case prospicienti al mare e l’interno ancora in degrado.DSCN9758 300x225 ISRAELE (4) Ajami

Gli abitanti di Ajami si sentono fanalino di coda e regolarmente protestano, non so con quale successo e il film israeliano dal nome omonimo, Ajami appunto, ha messo il dito sulla piaga suscitando un grande dibattito nel paese. Con attori non professionisti, semplici abitanti del quartiere, candidato per il miglior film in lingua straniera agli Oscar 2010, affronta proprio questa realtà spinosa con 5 storie di ordinaria vita quotidiana ad Ajami.
La grande stupenda sorpresa è che la passeggiata lungomare non termina più al porto di Jaffa, ma costeggiando dapprima Ajami permette di arrivare a piedi o in bicicletta fino a Bat-Yam, cittadina ancora più a sud del comprensorio della grande Tel Aviv.

Testo e Foto di: Sarah Nathan

Visto che sei arrivato qui…

... abbiamo un piccolo favore da chiederti. Molte persone stanno leggendo Latitudes mentre le entrate pubblicitarie attraverso i media stanno calando rapidamente. Vogliamo che il nostro giornalismo rimanga accessibile al nostro pubblico globale. I contributi dei nostri lettori ci consentono di mantenere questa apertura, in modo che tutti possano accedere a informazioni e analisi accurate ed indipendenti. Il giornalismo di approfondimento di Latitudes necessita di tempo, denaro e duro lavoro per produrlo. Ma lo facciamo perché crediamo che la nostra prospettiva sia importante, perché potrebbe anche essere la vostra prospettiva.

Se tutti quelli che leggono i nostri articoli aiutassero a sostenere la nostra attività, il nostro futuro sarebbe molto più sicuro. Per un minimo di € 1, puoi supportare Latitudes e richiede solo un minuto. Grazie.