VICENZA – Respirare l’arte

Arte contemporanea internazionale a Vicenza in quattro spazi della città per una mostra di ART for The World Europa

RESPIRO dall’8 ottobre al 21 novembre

Ma anche:  anima, apnea, arresto, blocco, calma, fiato, fremito, fruscio, gemito, inspirazione, interruzione, ossigeno, pace, palpito, pausa, pneuma, quiete, rifugio, rilassamento, rumore, silenzio, soffio, sollievo, sonno, sospensione, sospiro, sosta, sussurro, tranquillità, tregua, vento, vita…

Negli spazi della Fondazione Zoé, Loggia del Capitaniato, Teatro Comunale e Spazio Monotono.

Con la mostra RESPIRO, Zambon Group ripropone il dialogo sul tema della salute e dell’arte iniziato nel 1998 quando, in occasione del 50° anniversario dell’Organizzazione Mondiale della Salute, sostenne The Edge of Awareness, un’ampia mostra itinerante a cura di Adelina von Fürstenberg, organizzata da ART for The World, secondo tematiche legate alla salute fisica e mentale,  e con grandi installazioni di oltre quaranta artisti internazionali, da Sol LeWitt a Nari Ward, da Robert Rauschenberg a Chen Zen.

Proponendosi come un itinerario di installazioni artistiche in diversi spazi della città di Vicenza – la sede della Fondazione Zoé a Palazzo Bissari, la Loggia del Capitaniato, il foyer del Teatro Comunale e lo Spazio Monotono – insieme a una selezione di billboards (cartelloni) della Collezione Zambon Group, la mostra prevede video ed audio installazioni che sviluppano tematiche legate alla respirazione, all’apnea e all’immersione.

Tra le opere presentate presso lo Spazio Monotono e la sede della Fondazione Zoé, la video installazione di Nikos Navridis può essere interpretata come una grande “scultura che respira”, un intervento che mira a dare forma all’invisibile. Attraverso la visualizzazione del processo del respiro e del suo ritmo, l’artista pone l’accento sulle possibili forme che possono scaturire da questa attività basica, comune a tutti gli esseri umani.
Il video The Water Diviner (2008) di Sheba Chhachhi mostra un elefante – icona della cultura indiana nella quale è radicato il lavoro dell’artista – immerso nell’acqua, in apnea. Le immagini fluttuanti trasmettono l’eleganza dell’animale, ma anche tutta la sua fragilità. L’artista ha presentato per la prima volta il suo lavoro in Italia in occasione della mostra Urban Manners organizzata da ART for The World nel 2007 e ospitata negli spazi dell’Hangar Bicocca a Milano.
I Masbedo (Jacopo Bedogni e Nicolò Massazza) presentano il cortometraggio Distante un padre, parte del film collettivo Then and Now Beyond Borders and Differences, prodotto da ART for The World nel maggio 2010. I registi e videoartisti trasformano qui il dramma di un sommozzatore in apnea in una riflessione sui delicati equilibri fra la vita, la morte e oltre.
Farid Rahimi presenta il video Untitled Movie (2001-2009), una sequenza di paesaggi di montagna ripresi con una telecamera “basculante” che oscilla seguendo il ritmo del respiro dell’artista. L’orizzonte, reso mobile dall’attività respiratoria, rappresenta lo spostamento della prospettiva, l’alternativa: una metafora artistica dell’orizzonte interiore.
E’ inoltre presente nella mostra l’installazione sonora Running Tape, lavoro storico di Vito Acconci realizzato nel 1969 a New York come parte della serie dei “tape situation”. Questo lavoro registra i passi, le parole e il fiato dell’artista durante una corsa a Central Park.

Andiamo a respirare l’arte…

a cura di: Samantha Lamonaca

Info: Spazio Monotono: Nikos Navridis Viale Milano, 60  t. 0444 327166

info@spaziomonotono.org

Fondazione Zoè: Sheba Chhachhi, Masbedo, Farid Rahimi Corso A. Palladio, 36  t. 0444 325064

info@fondazionezoe.it

Loggia del Capitaniato: Vito Acconci e billboards di Stefano Arienti, Robert Rauschenberg, Piazza dei Signori t. 0444 325064

info@fondazionezoe.it

Teatro Nuovo: billboards di Willie Bester, Silvie Drefraoui, Alfredo Jaar, Matt Mullican, Miguel Angel Rios, Sophie Ristelhueber, Teresa Serrano, Pat Steir, Teatro comunale “Città di Vicenza”  , Viale G. Mazzini, 37   t. 0444 327393

info@tcvi.it

Orario: 9.00-18.00

con aperture straordinarie che saranno comunicate sul sito della Fondazione Zoé

Dove: Vicenza

Quando: 8 ottobre al 21 novembre 2010

Visto che sei arrivato qui…

... abbiamo un piccolo favore da chiederti. Molte persone stanno leggendo Latitudes mentre le entrate pubblicitarie attraverso i media stanno calando rapidamente. Vogliamo che il nostro giornalismo rimanga accessibile al nostro pubblico globale. I contributi dei nostri lettori ci consentono di mantenere questa apertura, in modo che tutti possano accedere a informazioni e analisi accurate ed indipendenti. Il giornalismo di approfondimento di Latitudes necessita di tempo, denaro e duro lavoro per produrlo. Ma lo facciamo perché crediamo che la nostra prospettiva sia importante, perché potrebbe anche essere la vostra prospettiva.

Se tutti quelli che leggono i nostri articoli aiutassero a sostenere la nostra attività, il nostro futuro sarebbe molto più sicuro. Per un minimo di € 1, puoi supportare Latitudes e richiede solo un minuto. Grazie.