TEL AVIV – JAM SESSION CHE PASSIONE

Tel Aviv
Tel Aviv

Echi di tamburi, batterie e percussioni si rincorrono per la città. Accade ogni fine settimana d’estate (ovvero da maggio a ottobre) su quella porzione di spiaggia che risponde al nome di Banana Beach. Direttamente sulla sabbia, quasi con i piedi nell’acqua, si ritrovano al tramonto del venerdì batteristi e musicisti non professionisti che danno il via al ‘Welcome to weekend’ con jam sessions che tirano l’alba. Banana Beach è anche il nome del Beach Bar più cool di tutta la spiaggia dove, tra divani e poltrone che mimano un salotto en plein air come oggi usa, si beve, si mangia, si chiacchiera ogni notte fino a che le stelle non impallidiscono. Proprio dall’altra parte della strada, il muezzin chiama i fedeli dal minareto della Moschea di Hassan Bek mentre sulla spiaggia scorrono cocktails, balli e musica. Piccoli esercizi di tolleranza attiva. Questa è Tel Aviv.

Banana Beach, Shlomo Lahat

Testo: Lucia Giglio   Foto: Alessandro Gandolfi  www.parallelozero.it

Senza titolo-1

Sfoglia le immagini della rivista Latitudes

Leggi l’articolo

Visto che sei arrivato qui…

... abbiamo un piccolo favore da chiederti. Molte persone stanno leggendo Latitudes mentre le entrate pubblicitarie attraverso i media stanno calando rapidamente. Vogliamo che il nostro giornalismo rimanga accessibile al nostro pubblico globale. I contributi dei nostri lettori ci consentono di mantenere questa apertura, in modo che tutti possano accedere a informazioni e analisi accurate ed indipendenti. Il giornalismo di approfondimento di Latitudes necessita di tempo, denaro e duro lavoro per produrlo. Ma lo facciamo perché crediamo che la nostra prospettiva sia importante, perché potrebbe anche essere la vostra prospettiva.

Se tutti quelli che leggono i nostri articoli aiutassero a sostenere la nostra attività, il nostro futuro sarebbe molto più sicuro. Per un minimo di € 1, puoi supportare Latitudes e richiede solo un minuto. Grazie.